Sponsorizzazioni Facebook: gli errori da evitare

Sponsorizzazioni Facebook: gli errori da evitare

Avventurarsi nei meandri di Facebook, delle sue dinamiche e del suo funzionamento non è mai cosa semplice, figuriamoci quando si parla di sponsorizzare la propria attività a pagamento.

Facebook fornisce diverse tipologie di advertising sulla propria piattaforma e spesso risulta complicato capire quale possa fare al caso nostro, e quali sono le strategie più giuste.

In questo articolo proveremo a capire quali sono gli errori da evitare per far si che le campagne a pagamento ottengano il massimo.

Non avere una strategia e una pianificazione

Avere degli obbiettivi chiari e tenere a mente il budget a disposizione è il primo passo da fare. In questo modo si avrà già un’idea di che modalità di sponsorizzazione adottare  e su come strutturare la campagna.

Utilizzare bacini di pubblico troppo ampi

In questo modo si corre il rischio di raggiungere un pubblico che non è affatto interessato ai propri prodotti o servizi, con il rischio di vanificare un po’ tutti gli sforzi. Meglio quindi cercare di raccogliere più informazioni possibili sul proprio target per cercare di delinearlo con precisione.

Partire senza aver fatto test preventivi

Prima di partire con la campagna definitiva, è meglio fare dei test con un budget di prova. Per esempio, si può fare il test impiegando il 10% del budget previsto per l’intera campagna.

In concreto si può variare nella creatività, nel messaggio testuale, nel pubblico di riferimento, negli interessi in modo da capire cos’è che funziona meglio ed eventualmente, correggere il tiro.

Non vendere direttamente

Purtroppo, i messaggi troppo autoreferenziali non funzionano per tutti. Facebook è un social basato sul dialogo e sulle emozioni, il che significa che gli utenti sono in cerca di informazioni utili, interessanti o che li intrattengano.

La parola d’ordine è allora farsi conoscere, coinvolgere l’audience e costruire un rapporto di fiducia.

Sottovalutare l’analisi dei dati

Sulla base dei propri obbiettivi, le metriche  e i risultati ottenuti vanno analizzati periodicamente per poter affinare gli investimenti futuri.

Utilizzare troppo testo e immagini non ottimizzate

Utilizzare troppo testo è uno dei motivi per il quale Facebook rifiuta la sponsorizzazione. Meglio optare per del testo breve, semplice e che sappia incuriosire l’utente inducendolo al fatidico “click”.

Per quanto riguarda le immagini, spesso si incappa nell’errore di utilizzare immagini che non seguono le dimensioni suggerite da Facebook Ads. In questo modo si rischia di affondare il tasso di coinvolgimento dell’annuncio. Ma i problemi non nascono solo dalle dimensioni, anche la qualità e la tipologia dell’immagine può rappresentare un problema: immagini sfocate, di bassa qualità e non correlate con l’argomento della sponsorizzazione possono diventare un clamoroso autogoal. Della serie, potresti rovinare la percezione dell’utente verso il tuo brand.

Se però, nonostante la lettura di questo articolo, ti senti ancora in alto mare, esistono web agency come la nostra in grado di aiutarti concretamente nella pianificazione di una strategia social efficace. Contattaci per avere maggiori informazioni e scopri di più sulla nostra offerta gestione pagina Facebook aziendale.

 

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *