HTTPs obbligatorio da Gennaio 2017

HTTPs obbligatorio da Gennaio 2017

Google Chrome, con il rilascio della versione 56, segnalerà come non sicuri tutti i siti web che accettano connessioni HTTP non cifrate. Tutto ciò a partire proprio da questo mese: gennaio 2017.

La notizia è confermata dal colosso del web, sul suo blog Google Security Blog:

“Per aiutare gli utenti a navigare sul web in modo sicuro, Chrome indica la sicurezza collegamento con un’icona nella barra degli indirizzi. Storicamente, Chrome non ha etichettato in modo esplicito le connessioni HTTP come non sicure. A partire da gennaio 2017 (Chrome 56), ci segnalerà i siti HTTP che trasmettono le password o carte di credito come non sicuri, in linea con un piano a lungo termine per contrassegnare tutti i siti HTTP come non sicuri”.

Il browser di Google in sostanza, allerterà i visitatori sulla pericolosità di un sito, se quest’ultimo non implementerà il trasporto delle informazioni attraverso un canale sicuro (SSL/TLS), confermato dalla presenza del protocollo https://.

 

Questa notizia apre tutta una serie di considerazioni per i gestori dei siti web, che vanno dal rendere in questo modo più sicuro il proprio sito web, ad una questione di reputazione: un sito con il protocollo https verrà percepito dal visitatore come più affidabile rispetto a quelli che non lo possiedono.

Google, dimostra così una certa attenzione verso temi come quello della privacy e della sicurezza: big G ha infatti comunicato che Chrome segnalerà i siti che implementano il protocollo HTTP come insicuri, qualora essi raccolgano dati degli utenti estremamente sensibili come password, dati personali, numeri di carte di credito.

Tutto questo fa parte di un piano molto più ampio, che vede Google già da tempo impegnato nell’implementazione dell’uso di questo protocollo di sicurezza, avendo già modificato il proprio algoritmo a favore dei siti che decidono di utilizzare il protocollo HTTPs.

Per maggiori informazioni, non esitare a contattarci, clicca qui.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *